RSS

Ospedale Nola. Lorenzin: “85% degli accessi al pronto soccorso in Campania è improprio. La situazione è preoccupante” – Quotidiano Sanità

13 Gen

Il Ministro della Salute a Porta a Porta ieri sera su Rai Uno torna sul caso del Pronto soccorso di Nola con i malati curati a terra perché non vi erano né letti né barelle disponibili causa di un sovraffollamento. E ribadisce il plauso ai medici. “Sono molto solidale nei confronti dei medici che  hanno trattato i pazienti anche in condizioni estreme”.

Sorgente: Ospedale Nola. Lorenzin: “85% degli accessi al pronto soccorso in Campania è improprio. La situazione è preoccupante” – Quotidiano Sanità

Sorgente: Newsletter dell’Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Il ministro della Salute è intervenuta oggi in Aula per rispondere al question time su quanto accaduto nell’ospedale di Nola nei giorni scorsi denunciato dalle foto di pazienti curati per terra. “Gli accertamenti hanno permesso di verificare che non c’erano i protocolli che avrebbero permesso di utilizzare i posti letto tecnici disponibili, day hospital oncologico e letti di dialisi, i quali avrebbero potuto essere occupati dei pazienti e accorsi al pronto soccorso”.

Sorgente: Il caso Nola sbarca alla Camera. Lorenzin: “Responsabilità chiare della rete emergenza-urgenza regionale. Inattuata la riorganizzazione decisa mesi fa” – Quotidiano Sanità

Medici licenziati perché hanno cercato di fare il loro lavoro nel pieno del disagio. Di chi è la reale colpa dei sovraffollamenti? Infermieri e personale di pronto soccorso hanno bisogno di istituzioni che non siano latitanti.

Sorgente: Pronto Soccorso in tilt e licenziamenti. Cosa deve fare il personale per andar bene?

Il direttore sanitario e i primari di pronto soccorso e medicina d’urgenza dell’ospedale di Nola sono stati sospesi dall’Asl Napoli 3 Sud dopo che nei giorni scorsi alcuni pazienti sono stati assistiti non sulle barelle né sui letti, bensì sul pavimento. Una decisione dovuta al sovraffollamento del pronto soccorso nel weekend di Epifania e che […]

Sorgente: Ospedale Nola, primari sospesi per “difetto di comunicazione”. Lorenzin: “Medici eroi, la Campania cambi passo” – Il Fatto Quotidiano

«Le recenti vicende del pronto soccorso di Nola evidenziano, per l’ennesima volta, lo stato di degrado in cui versa la sanità, e non solo quella campana, già vittima della cronica inefficienza della

Sorgente: Caso Nola, Cimo dichiara lo stato di agitazione dei medici in Campania | Sanità24 – Il Sole 24 Ore

Licenziare i medici e gli infermieri dell’ospedale di Nola, dopo le drammatiche foto dei pazienti sdraiati a terra? «Non scherziamo: innanzitutto penso che i medici, gli infermieri e gli operatori

Sorgente: Lorenzin: «Medici e infermieri eroi quotidiani. Ciò che va rivisto è l’organizzazione tra ospedale e territorio» | Sanità24 – Il Sole 24 Ore

Dura reazione del Sindacato dei Medici Italiani dopo la sospensione del direttore sanitario e dei responsabili del pronto Soccorso di Nola. Per Andrea Dominijanni, responsabile nazionale della

Sorgente: Nola, lo Smi difende i medici e chiede il “licenziamento” del presidente De Luca | Sanità24 – Il Sole 24 Ore

 

La ministro si è’ opposta ai tagli tanto che ha ottenuto è certo con fatica 3 miliardi in più. Il problema come dice GIMBE ed ora Lancet sono gli sprechi ( 2 euro su 10). Gli ispettori sono sacrosanti per accertare la assurdità dei manager dell’ospedale asl e della loro delinquenziale risposta sulla comunicazione . Il potere della Ministro è’ molto basso e il referendum sancendo la supremazia della regione sul ministero ha ancora di più azzoppato il potere centrale. La sanità del SUD come anche recentemente sottolineato da report gestionali soffre in maniera significativa di mancanza di direzione e buona organizzazione considerando che tutte le regioni hanno lo stesso finanziamento e su questo, ribadisco, il ministero ha poco potere se non quello di segnalare e demandare agli assessorati regionali

Io non me la prenderei tanto con i ministro che tanto ha fatto per i nefrologi tra l’altro, meglio di altri ministri blasonati e laureati in medicina (D: sulla malattia renale cronica e Decreto cronicita’ oltre ai LEA; invito a leggere il decreto cronicita’, molto bello ed istruttivo tra l’altro). Il ministro a) ha uno staff di dirigenti spesso non scelti da ministro ed ereditati che sono la forza e la debolezza oltre che essere coloro che spesso tradiscono alle spalle b) il ministro, grazie anche al referendum che volevo invertire tale andazzo NON ha alcun compito sulla organizzazione sanitaria regionale. ma altri complici sono i sindacati, i primari che accettano e non si dimettono e quindi avvallano, le associazioni dei pazienti che sono conniventi, i sindacati medici sia ospedalieri che dei MMG che strillano solo e fanno sciopero solo per alcuni motivi.

non e’ questione di eta’; se a me tolgono personale e risorse ho due strade: o accetto e quindi sono connivente (dopo aver denunciato ed altro) o me ne vado per dignità’. perché se rimango le cose sono due ancora una volta o: o sto svolgendo il mio lavoro in maniera accettabile sotto il profilo etico, morale e legale (e quindi cos ho sbraitato a fare? – guarda che su questo giocano i direttori generali, io sono stato al controllo di gestione e lo so bene) oppure sto facendo male il mio lavoro e allora ME NE DEVO ANDARE, in caso contrario sono connivente o complice.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: