RSS

Archivi categoria: screening

Long-term risks of kidney living donation: review and position paper by the ERA-EDTA DESCARTES working group | rischio di insuff Renale nei donatori e nella popolazione normale

Sorgente: Long-term risks of kidney living donation: review and position paper by the ERA-EDTA DESCARTES working group | Nephrology Dialysis Transplantation | Oxford Academic

 

 Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l’Educazione Sanitaria – PerugiaOPEN ACCESS volume 3

Sorgente: OPEN ACCESS volume 3

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 novembre 2016 in educazione sanitaria, screening

 

Gli italiani e la Nefrologia: conoscenza delle patologie renali e vissuto della figura medica di riferimento · GIN – Anno 33 – Vol. 5 – Settembre-Ottobre 2016 · Nephromeet

NephroMEET, la rete delle conoscenze nefrologiche

Sorgente: Gli italiani e la Nefrologia: conoscenza delle patologie renali e vissuto della figura medica di riferimento · GIN – Anno 33 – Vol. 5 – Settembre-Ottobre 2016 · Nephromeet

Conclusioni dello studio:

Read the rest of this entry »

 

TUMORI: CHI CERCA TROPPO, RISCHIA DI TROVARE TROPPO? | TorinoMedica.com

Sorgente: TUMORI: CHI CERCA TROPPO, RISCHIA DI TROVARE TROPPO? | TorinoMedica.com

 

Primary Aldosteronism Screen Cost-Effective in Resistant Hypertension – Renal and Urology News

For resistant hypertension patients, CT scanning followed by adrenal venous sampling is a costeffective screen for primary aldosteronism.

Sorgente: Primary Aldosteronism Screen Cost-Effective in Resistant Hypertension – Renal and Urology News

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 novembre 2015 in epidemiologia, screening

 

Altezza e peso: come sono cambiate le misure degli italiani – Linkiesta.it

Sorgente: Altezza e peso: come sono cambiate le misure degli italiani – Linkiesta.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 novembre 2015 in epidemiologia, screening, stili di vita

 

Ildo Nicoletti: screening gratuito eseguito nel corso della “Giornata della Tiroide” ha rivelato la presenza di una qualche patologia tiroidea nei 2/3

scrive il Prof Nicoletti: Ildo Nicoletti.

Ancora una volta l’assioma che piu’ si fa e che piu’ si risparmia e’ meglio trova smentite feroci. Il probelma e’ ceh siamo in mezzo a gente che non capisce cio’ che dice e quello che fa.  Ma purtroppo stiamo parlando di cooro ceh dovrebbero essere i gelosi e competenti gestori della salute pubblica che invece non parlano mai di Epidemiologia (quella appunto con la E maiuscola) e quando ne parlano non hanno competenze per capirla. In che mani la nostra salute? E i soldi che la sanita’ macina (300 miliardi l’anno)? sarebbe ora ceh quando si parla di qualita’, accreditamento e cose amene varie si entrasse nello specifico giudicando la clinica non le scartoffie

BRAVO ILDO

Leggo sulla cronaca di Terni de “La Nazione” di oggi, che lo screening gratuito eseguito nel corso della “Giornata della Tiroide” ha rivelato la presenza di una qualche patologia tiroidea nei 2/3 (in lettere per chi pensa che si tratti di un errore: due/terzi!! sessantasei per cento!!) della popolazione esaminata. La notizia è stata data, con molta soddisfazione, dai vertici sanitari dell’Azienda ternana.
Pensate che scoprire tali patologie nei soggetti asintomatici porti ad un qualche vantaggio per pazienti? No!!! Ci sono quintali di lavori scientifici pubblicati che lo dimostrano! Scoprire/inventare malattie ed aumentare il numero di pazienti serve solo ad aumentare i fatturati, con due conseguenze. La prima è l’aumento, non più sostenibile, dei costi per il SSN (esami, altri esami, visite, ecc …), alla faccia dell’appropriatezza. La seconda è l’aumento del fatturato, privato o “intra-moenia” – che è quasi privato – degli specialisti. La “patologia tiroidea” fattura, storicamente, in Umbria quanto un’azienda di medie dimensioni, non in crisi.
Nel piano regionale di prevenzione umbro 2014-18, ci saranno due righe per fermare tale scempio? O ci sarà scritto che il primo screening che individuerà una malattia nel 100/100% dei soggetti esaminati vincerà una bambolina?

e i commenti:

  • Francesco Grignani Ildo, non vorrei andare troppo sul tecnico per FB, ma IgH-Bcl2, Bcr-Abl e NPM-Alk si trovano ciascuna nel 20-80% dei soggetti sani! Siamo vicini alla bambolina! Però finora nessuno ha parlato di leucemia o linfoma per tutti…
  • Ildo Nicoletti Franco, scrivilo … sottovoce! Se qualcuno di questi se ne accorge siamo fritti!!
    Mi piace · Rispondi · 2 · 4 h
  • Massimo Zuccaccia I danni psicologici prodotti ai malcapitati che, rinunciando a una bella e salutare passeggiata, hanno preferito sottoporsi a tali test, li avete considerati?
    Mi piace · Rispondi · 1 · 3 h
  • Ivano Moretti condivido in pieno
  • Tiziano Scarponi Ho condiviso questo post oltre che sul mio profilo, anche sul gruppo di Slow Medicine Italia e sul gruppo di Medici di Medicina Generale dell’Umbria.Da quello che vedo siamo in tanti a pensarla così…..pero? Come mai questa orda di pensiero che ” i sani sono coloro che non sanno di essere malati” procede a gonfie vele?
  • Francesco Menichetti Venite a Pisa: non si ricorda il caso di una tiroide trovata sana🙊🙈🙉
    Mi piace · Rispondi · 1 · 2 h
  • Ildo Nicoletti Caro Tiziano, citando il fu Andreotti (a pensar male si fa peccato … ma spesso ci si azzecca) perchè per molti i malati … sono più utili dei sani! O no?
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: