RSS

Archivi categoria: Governo Clinico – EBM

Inappropriatezza in ospedale. Per diabete, malattie polmonari, insufficienza cardiaca, influenza, asma e alcol correlate, l’alternativa al ricovero con l’assistenza territoriale non decolla – Quotidiano Sanità

E’ quanto risulta dall’analisi delle SDO 2018 che contengono anche una serie di indicatori sui tassi di ospedalizzazione per alcune patologie che potrebbero essere trattate fuori dall’ospedale. Più alti sono meno significativa è la presenza di servizi sul territorio.

Sorgente: Inappropriatezza in ospedale. Per diabete, malattie polmonari, insufficienza cardiaca, influenza, asma e alcol correlate, l’alternativa al ricovero con l’assistenza territoriale non decolla – Quotidiano Sanità

 

La lotta pirata di Sci-Hub per una scienza libera e aperta – il Tascabile

Sono queste le cosa che un assessorato dovrebbe fare. dare accesso alle riviste scientifiche e dare accesso a strumenti come UpTodate che ti tolgono dai guai quando sei di guardia. Uno specialista ha le sue linee guida e le sue riviste (la nostra società scientifica ha abbonamento a 6 riviste nefrologiche), ma, visto che va di moda la guardia interdivisionale, allora il problema e’ come cercare aiuto ed evidenze rispetto ad altre branche. Si parla di risk management (c’e’ un responsabile in ogni Azienda) , di punti ECM ,ma poi ti devi formare sui punti consulcesi dove anche il sig Vissani fa lezione, ma non si hanno riviste scientifiche. A questo punto e’ anche responsabile l’Universita’ che dovrebbe attivare collaborazioni con Assessorati e ordine dei medici per ridurre l’onere finanziario . Il sistema bibliotecario Lombardo o Veneto (anche Veneto, e si!) o Romagnolo, mettono a disposizione la ricerca e la disponibilità’ di riviste e di articoli Full Text.
Da noi in Umbria la drssa Calabro, fece avere per un paio d’anni UpTodate all’ospedale di perugia, ma poi il manager bravo, tolse l’abbonamento. Invece l’ASL1 ha l’abbonamento, ma non l’ASL2. Questo e’ il servizio di formazione e riduzione del rischio di una regione eccezionale in sanità come dice il Sig Tommaso Bori, Tommaso Bori:
Fatto sta che se uno magari studiasse un po’ di più e potesse consultare strumenti aggiornanti, forse le liste di attesa diminuirebbero. ma ovvio che il problema e’ aumentare la disponibilità’, non l’approrpriatezza, che diamine!

Sorgente: La lotta pirata di Sci-Hub per una scienza libera e aperta – il Tascabile

 

Mal di schiena: troppi interventi inutili. La Lombardia dice basta – Corriere.it

I rimborsi massimi per interventi per mal di schiena scendono da 19.700 a 7.600 euro, tranne che per le patologie più gravi.

Sorgente: Mal di schiena: troppi interventi inutili. La Lombardia dice basta – Corriere.it

 

Tag:

Mal di schiena: troppi interventi inutili. La Lombardia dice basta – Corriere.it

I rimborsi massimi per interventi per mal di schiena scendono da 19.700 a 7.600 euro, tranne che per le patologie più gravi.

Sorgente: Mal di schiena: troppi interventi inutili. La Lombardia dice basta – Corriere.it

 

Tag: , ,

Conflitti d’interesse in medicina – SaluteInternazionale

Gianna MilanoNegli anni la soglia di sicurezza nel sangue per il colesterolo è stata via via abbassata da linee guida (tutt’altro che limpide), ampliando a dismisura il bacino dei candidati al consumo delle statine.

Sorgente: Conflitti d’interesse in medicina – SaluteInternazionale

 

Tag:

Check-up periodici, Gimbe: sovra-diagnosi e aumento costi senza benefici per la salute

Sorgente: Check-up periodici, Gimbe: sovra-diagnosi e aumento costi senza benefici per la salute

 

Tag:

Specializzandi e non specialisti assunti nel Ssn? Cosa cambia, e potrebbe cambiare, col Dl Calabria e il regionalismo differenziato – Quotidiano Sanità

Se da un lato le norme contenute nel cosiddetto “decreto Calabria” appaiono coerenti in una quadro di misura emergenziale (anche temporalmente) quelel ventilate nelle ipotesi di accordo per l’autonomia differenziata con le Regioni interessate che in qualche modo riprendono le ipoetsti del “vecchio Patto per la Salute” con l’assunzione diretta di medici non specialisti “declassificati” rispetto agli altri medici del Ssn, rischia di peggiorare la qualità richiesta alla professione medica

Sorgente: Specializzandi e non specialisti assunti nel Ssn? Cosa cambia, e potrebbe cambiare, col Dl Calabria e il regionalismo differenziato – Quotidiano Sanità

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: