RSS

Archivi categoria: meritocrazia

Tempi d’attesa e intramoenia. Ben venga la soluzione toscana. Ma deve anche finire taglio a risorse, personale e posti letto – Quotidiano Sanità

La  delibera della Giunta regionale della Toscana prende finalmente atto del fatto che i tempi di attesa non correlano ordinariamente con l’attività  libero professionale. Ma la non può essere trovata solo nella produttività aggiuntiva in regime di intramoenia,  senza mettere  fine al blocco del turn over, al taglio dei posti letto e alla riduzione dell0fferta sanitaria

Sorgente: Tempi d’attesa e intramoenia. Ben venga la soluzione toscana. Ma deve anche finire taglio a risorse, personale e posti letto – Quotidiano Sanità

il mio parere:

Alla fine di tutto abbiamo combattuto tanto per le ore di riposo (11) e poi lavoriamo  in libera professione dopo le ore prestate in servizio? Fare un intervento il LP significa non lavorare poi nell’orario normale, soprattutto per gli interventi lunghi.  Ci si si stanca solo quando si lavora per il pubblico ? Cosa ne penseranno i magistrati e le assicurazioni? Così perdiamo credibilità’.

Coinvolgere a tariffe calmierate e sulla base dei costi ospedalieri se inferiori al DRG o al massimo DRG le strutture private con professionisti certificati dai “privilegies” e dalle certificazioni di clinical competence” le strutture private certificate. Prima le aziende ospedaliere dovrebbero stabilire le necessità’ sulla base della epidemiologia, anche regionale , poi stabilire il massimo che possono dare anche ricorrendo alla LP e poi affidare il residuo, se mai ci fosse, al privato esterno  che andrebbe però controllato in termini di output con indicatori condivisi con il pubblico.

 

 

Anteprima. I dati sui Lea con il nuovo sistema di valutazione per prevenzione, assistenza distrettuale e ospedaliera. Solo 9 Regioni su 21 superano la sufficienza in tutte e tre le aree – Quotidiano Sanità

Lo avevamo ventilato qualche giorno fa ma ora che abbiamo potuto analizzare le carte sugli esiti della prima sperimentazione effettuata dal Ministero della Salute del nuovo modello di verifica dell’erogazione dei Lea (che dovrebbe entrare a regime nel 2020) il quadro che emerge è obiettavamente preoccupante, con ben il 60% delle Regioni che non riesce a raggiungere neanche la sufficienza. Carenti soprattutto l’assistenza territoriale e la prevenzione mentre va un po’ meglio per l’attività ospedaliera. IL DOCUMENTO

Sorgente: Anteprima. I dati sui Lea con il nuovo sistema di valutazione per prevenzione, assistenza distrettuale e ospedaliera. Solo 9 Regioni su 21 superano la sufficienza in tutte e tre le aree – Quotidiano Sanità

 

(99+) LICENZIATE I LECCHINI. I DIRIGENTI COMPETENTI NON HANNO BISOGNO DI LORO. | LinkedIn

Sorgente: (99+) LICENZIATE I LECCHINI. I DIRIGENTI COMPETENTI NON HANNO BISOGNO DI LORO. | LinkedIn

 

Tag: , , ,

Emma che segnalò le multe cancellate «Dal Campidoglio neanche un grazie» – Corriere.it

La funzionaria e l’inchiesta che ha portato a 197 indagati. Il gip: vessata per farla tacere.

Sorgente: Emma che segnalò le multe cancellate «Dal Campidoglio neanche un grazie» – Corriere.it

Il gip: vessata per farla tacere ed anche demansionata.Per affrontare tutto questo sono perfino andata dallo psicologo. ”

Capita sempre cosi’. I capi bulletti che ti vessano, ti rovinano la carriera, e sei solo.
Nessun sindacato, quelli che si avvantaggiano e occupano posti . A questo si aggiunge una magistratura lenta che ammette il danno ma oramai tutto e’ passato, impossibile correre ai ripari. Una manciata di vil denaro.
Ma al dignità e’ una sola. Abbiamo solo fatto il nostro dovere ed abbiamo denunziato le cose che non vanno. E Non possiamo che augurare ai capetti di aver a che fare con coloro che hanno aiutato , li hanno scelti loro no?

 

Tag: ,

Neonati, al Sud è molto più alto il rischio di morire – Corriere.it

Sorgente: Neonati, al Sud è molto più alto il rischio di morire – Corriere.it

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: