RSS

Archivi categoria: futuro

David Oliver: Top healthcare words of 2018 | The BMJ Le parole piu’ usate

The Collins English Dictionary ’s top 10 words of 20181 included “plogging” (picking up litter while jogging), “VAR” (video assistant referee), and “floss” (a new dance craze). So, as The BMJ heads to the New Year, here’s my personal list of the top words of 2018 for UK health services. I’ve doubtless missed some, so please do post rapid responses or tweet your own suggestions. It’s been good to see, for the first time in the NHS’s history, a draft workforce plan (technically, a “strategy”)—from Health Education England.2 It has its imperfections, but at least it’s a plan. And we’re eagerly expecting the launch of NHS England’s 10 year plan for the health service.3 Again, not everyone will be happy with its details, but a shift towards medium term plans beats short term, politically driven cycles. It’s a start. To my mind,4 and …

Sorgente: David Oliver: Top healthcare words of 2018 | The BMJ

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 dicembre 2018 in editoriali, futuro, sociale

 

Braced for Brexit | The BMJ

Se il Regno Unito lascia l’Unione Europea senza un accordo, le forniture di farmaci potrebbero affrontare “un momento catastrofico”, secondo Martin Sawer, direttore esecutivo della Healthcare Distribution Association.
Ma la Brexit non porta problemi. Dicono (in Italia)
Ricordo che il BMJ e’ l’organo ufficiale dell’ordine dei medici inglesi …

Availability of drugs—including blood products, insulin, and nuclear medicines—and treatment of rare diseases are some of the areas where uncertainty caused by UK-EU negotiations is increasingly concerning doctors, suppliers, and patients If the UK leaves the European Union without a deal in place, supplies of drugs could face “a catastrophic time,” according to Martin Sawer, executive director of the Healthcare Distribution Association. Two types at particular risk are insulin and biological medicines, including those derived from blood plasma—because the UK relies on imported supplies. The six week buffer stock that health secretary Matt Hancock has asked drug companies to set up in case of short term border disruption is straightforward (if costly) for drugs with a long shelf life. It is trickier for those that need to be kept at a controlled, low temperature during transport and storage. Mike Thompson, chief executive of the Association of the British Pharmaceutical Industry, told the Commons select committee no deal Brexit inquiry on 23 October1 that the government’s contingency plans were insufficient. There were no cold chain storage facilities at the ports in the event o

Sorgente: Braced for Brexit | The BMJ

 

Tag:

Abbiamo voluto la manovra del cambiamento, ora prepariamoci al disastro – Linkiesta.it

Ripresentando alla Commissione Europea una legge di bilancio tale e quale a quella che è stata bocciata ci siamo condannati a anni difficilissimi. Interessi altissimi, declassamenti, recessioni: ecco quanto ci costeranno provvedimenti dannosi come Quota 100 e inutili come il reddito di cittadinanza

Sorgente: Abbiamo voluto la manovra del cambiamento, ora prepariamoci al disastro – Linkiesta.it

 

Confronting climate change in the age of denial

This Editorial introduces a Collection of articles in which the authors explore the challenges and pitfalls of communicating the science of climate change in an atmosphere where evidence doesn’t matter.

Sorgente: Confronting climate change in the age of denial

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 novembre 2018 in editoriali, futuro, sociale

 

Schools are better than polls for democracy | Richard Smith’s non-medical blogs

Sorgente: Schools are better than polls for democracy | Richard Smith’s non-medical blogs

 

Di Maio dice che non dobbiamo emigrare. Ma gli italiani «in fuga» sono quasi triplicati in 10 anni – Il Sole 24 ORE

Sorgente: Di Maio dice che non dobbiamo emigrare. Ma gli italiani «in fuga» sono quasi triplicati in 10 anni – Il Sole 24 ORE

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 agosto 2018 in editoriali, futuro, sociale

 

Grillo nel 2014 con il comitato No Gronda;Fermiamoli con esercito

 

 

la7 inonda puntata ponte morandi
http://www.la7.it/in-onda/rivedila7/in-onda-puntata-del-15082018-16-08-2018-248420

Ponte Genova grillo comitato no gronda | Genova | Ponte Genova | Crollo | Autostrada | Movimento 5 stelle | M5S | Youtube | Video |

Sorgente: Grillo nel 2014 con il comitato “No Gronda”: “Fermiamoli con l’esercito” | VIDEO

 

M5S non c’entrano niente tanto che hanno rimosso il loro post perche’ si vergognano di quanto hanno scritto ma il web che loro osannano non cancela nulla . Te lo ripropongo cosi’ potrai anche tu arrampicarti sugli specchi. E magari chiamare l’esercito come invocava il mentore del 5s Grillo nel 2014 che per risparmiare allora 4 miliardi ora se ne spendono almeno il triplo. Nota che l’autostrad del sole si fece in quattro anni, sarebbero bastati.
https://www.tpi.it/2018/08/14/ponte-genova-grillo-comitato-no-gronda/
autostrada fatta in 3 anni

«Ci viene poi raccontata, a turno, la favoletta dell’imminente crollo del Ponte Morandi». È quanto scriveva, in un comunicato stampa dell’8 aprile 2013, il Coordinamento dei Comitati No Gronda di Genova, che si opponeva alla realizzazione della Gronda diSorgente: Gronda di Genova, storia di un’opera contestata (soprattutto dai Cinque Stelle) – Il Sole 24 ORE

 

Lo Stato può davvero revocare la concessione ad Autostrade per l’Italia, come annunciato stamattina dai vicepremier Di Maio e Salvini e dal ministro delle Infrastrutture Toninelli? Pare difficile: ci sono problemi giuridici, politici e finanziari. TuttoSorgente: Revocare la concessione ad Autostrade? Perché per il governo sarà molto difficile – Il Sole 24 ORE

Sorgente: Crolli dei cavalcavia, colpa dei mezzi pesanti: chi se ne occupa? | Milena Gabanelli – Corriere.it

 

: Infrastrutture, Delrio: con 14 miliardi Genova può connettere l’Italia – Trasporti-Italia.com

: Perché l’Unione europea non c’entra nulla con la tragedia di Genova – Il Sole 24 ORE

Nota che l’autostrad del sole si fece in quattro anni, sarebbero bastati.
https://www.tpi.it/2018/08/14/ponte-genova-grillo-comitato-no-gronda/
con serieta’ e quindi si riparte dalla meritocrazia e dagli esperti ceh avevano detto e segnalato. ma i meno seri sono quelli che hanno detto che il parere degli esperti era “una favoletta”. Io per aver detto pane al pane ho avuto i miei problemi e chi mi ha casato e’ ora al vertice. Vertici sedotti da politca e appartenenze varie. ma almeno io la verita’ l’ho detta mentre altri sono acquescenti e silenziosi (ovviamente non mi riferisco a te , so benissimo al tua troia), ma convieni che tutti gli ambienti sono pieni di opportunisti legati la carro. E se ci sono carri che si spacciano per nuovo e che parlano di favole quando si parla di scienza e fanno ministro una che inveiva contro la Capua per traffico di virus qualche dubbio ti viene. Ed allora capisco che autostarde abbia ingegneri che ritengono sicuro un ponte che sta per crollare. Il principio e’ lo stesso. Come quello di nominare primari inetti che distruggono i reparti. Amen
esatto solo esempi, girando per il mondo gli esami sono tanti ed esulo da storie personali. Ma non si puo’ combattere l’errore con persone avvezze all’errore. Tutto qui
Grande Cecco!!! Non ti smentisci mai. : “Viviamo in un eterno presente, non studiamo e crediamo che chi studia vuole approfittarsi di noi.” Da scrivere nella pietra, come la stele di Rosetta.
fondi europei

Ci sono tre date impresse nei documenti ancora disponibili sul sito delle Ferrovie Nord Barese: “Raddoppio linea ferroviaria Corato-Andria. Inizio lavori martedì 1/1/2013, fine martedì 30/6/2015. Termine collaudo 1/10/15”. I due treni avrebbero potuto viaggiare su due binari diversi, se i tempi fossero stati rispettati. Invece i lavori non sono ancora iniziati. Perché il “Grande Progetto” per l’adeguamento …: Scontro treni Puglia, “raddoppio linea entro il 30 giugno 2015”. Ma i lavori, finanziati dalla Ue con 180 milioni, non sono mai partiti – Il Fatto Quotidiano

 

Sorgente: Fondi Ue, cinque miliardi inutilizzati. E 60mila progetti non sono neanche partiti – l’Espresso

 

 

Caro Gianni il sistema è’ sempre quello. Guarda nel nostro mondo della sanità, quante volte diciamo questo non si può fare, si mette a rischio la salute dei pazienti ed invece viene fatto e non si corre ai ripari? Gli amministratori sono sempre a favore di un gruppo spesso politico, prova ne è che appena arrivano al potere cambiano i vecchi e sistemano i loro ( non mi sembra che questo governo faccia eccezione). L’unica strada sarebbe la fucilazione una volta accertato ma la magistratura ci mette decenni .
L’ambientalismo non fa il suo mestiere ma estremizza tutto come per TAP, come per qualunque cosa che comporti un minimo di cambiamento rendendo non credibili invece le lotte vere e sacrosante.
Ci vorrebbe una sana consapevolezza nella scienza ( che aveva già segnalato che i ponti Morandi non erano sicuri tanto da aggiungere a Genova i tiranti) . Ma è innegabile che gruppi nati sulla base della decrescita felice , sulla lotta alla gronda a Genova, sulla negazione della scienza e sull’attacco ai ricercatori come per la Capua non siano al massimo della credibilità. È pur tuttavia vero che l’insipienza e le lotte di potere mai volte all’osservanza della buona amministrazione dei partiti classici siano la malattia di questo paese e che sia inammissibile ed intollerabile dare la colpa all’Europa dove i ponti, stranamente, cadono molto meno spesso.
A questo punto non rimane che andarsene da questo paese
 
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: