RSS

Archivi tag: politica

oxfam rapporto. Carlo Stagnaro

La povertà non è in crescita e la sua riduzione costante è un fenomeno dovuto proprio alla globalizzazione

Sorgente: Il ritornello (fake) di Oxfam – Il Foglio

@CarloStagnaro

[thread] Pochi fortunati possiedono più ricchezze di miliardi di poveracci. Anche quest’anno,

diffonde il suo rapporto su #povertà e #disuguaglianze nella settimana di #Davos. Ma è davvero così? repubblica.it/economia/2020/ 1/n

Il rapporto ripete da diversi anni un mantra: le “crescenti” disuguaglianze sono il frutto di un “sistema economico difettoso e sessista”. Per dimostrarlo, confronta i patrimoni dei miliardari con quelli delle persone normali 2/n

Nel passato, un numero sempre più ampio di economisti ha denunciato la metodologia di

, che confronta acriticamente grandezze diverse. Qui il rapporto e le note metodologiche: oxfamitalia.org/davos-2020/ 3/n

…e qui una sintesi delle principali critiche e delle repliche di #Oxfam: vox.com/future-perfect 4/n

 

Oltre agli aspetti tecnici, c’è un elemento davvero grottesco nel lavoro di

: la disattenzione per le sue stesse fonti, le quali – a una lettura attenta – smascherano l’inganno. Qui si trova il rapporto “Global Wealth Report” di Credit Suisse: credit-suisse.com/about-us/en/re 5/n

 

Il rapporto di

è importante perché da lì vengono le stime sulla ricchezza netta delle famiglie (cioè la differenza tra il valore dei loro risparmi e dei loro debiti) che

confronta col patrimonio dei miliardari, stimato da

6/n

 

Ma cosa dice realmente il rapporto? Cominciamo: la quota di ricchezza del top 10% e top 5% a livello mondiale, negli ultimi 20 anni, è calata sensibilmente. Quella del top 1% è scesa in misura meno pronunciata ma resta inferiore rispetto al 2000 7/n

 

Il 90% meno ricco della popolazione mondiale ha visto ampliarsi la sua fetta a una velocità senza precedenti, oltre tutto con una torta che continuava a crescere: infatti, è passato dall’11,5% del totale nel 2000 al 18,3% nel 2019 8/n

 

Mentre la disuguaglianza tra i paesi continuava a diminuire, è cresciuta la disuguaglianza all’interno di alcuni di essi (specie nel mondo industrializzato). Tale fenomeno non ha tuttavia cancellato gli effetti del primo, né ha presentato caratteristiche univoche 9/n

 

Per esempio, l’Italia ha un livello di concentrazione della ricchezza relativamente basso, inferiore non solo a Stati Uniti e Gran Bretagna, ma anche ai paesi scandinavi e a molte nazioni in via di sviluppo 10/n

In conclusione: Oxfam drammatizza e comunica in modo scorretto dei dati che descrivono enormi problemi nella distribuzione mondiale della ricchezza ma raccontano anche, nel complesso, una storia di successo. Ne parliamo domani su

con

11/11

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 gennaio 2020 in farmacoeconomia

 

Tag:

Il MEF spiegato bene. Per chi vuol capire   Stiglitz , eroe dei sovranisti anti euro, non lo e’ piu ora per il MES     Savona, il MES e il Grammelot del CDO

Stiamo assistendo in questi giorni ad una discussione surreale – e ad una narrazione falsa da parte dei partiti sovranisti, Lega in primis – relativa alla riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) di cui si sta discutendo in Europa.

Un’analisi dell’ultima versione del testo del Trattato e tutti i documenti disponibili: “Coloro che gridano “al lupo al lupo” sono IL lupo – le manovre in deficit e la mancanza di politiche a favore della crescita e della riduzione del debito pubblico, mettono a rischio il paese. Va smontata inoltre la narrazione che manchi il controllo politico nazionale sugli organismi sovranazionali, poiché le decisioni di ultima istanza sul Trattato saranno prese a dicembre dai governi nell’Eurogruppo e nell’Eurosummit e successivamente dai parlamenti nazionali.

Il MES è una istituzione preziosa perché svolge la funzione di “prestatore di ultima istanza” nell’Unione Monetaria nell’eurozona (come il FMI a livello globale). E’ una rete di protezione molto importante perché con un capitale sottoscritto e autorizzato di 704miliardi (di cui versati 80 miliardi, dei quali circa 14 da parte dell’Italia) può indebitarsi nei mercati obbligazionari internazionali a tassi molto convenienti e a lunghissima scadenza a 30/40 anni. I prestiti del MES sono la porta di accesso a OMT ovvero gli interventi illimitati della BCE per calmierare i mercati.

Il Meccanismo europeo di stabilità (MES) è perfettibile, come lo è l’Unione Europea, ma l’acceso dibattito di questi giorni non ha ragione di esistere:

PROFEZIE CHE SI AUTOAVVERANO…ANCHE SE NON ESISTONO
Sono state sollevate molte critiche alla recente riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità, il cosiddetto Fondo Salva-Stati, che prevede alcune modifiche nella direzione di una valutazione sulla sostenibilità del debito prima di accedere ai fondi.

Matteo Salvini oggi accusa Giuseppe Conte di aver firmato un accordo in segreto, piegandosi al volere della Germania e tradendo la patria, nonostante egli fosse il vice di Conte al momento della firma dell’accordo, e nonostante il Presidente del Consiglio fosse anche espressione della Lega. Non si capisce, però, in che modo questa riforma costituirebbe un tradimento della patria. Se c’è un paese che negli anni a venire guadagnerà dal MES è proprio l’Italia.

Uno dei timori, espressi fra gli altri dalla Banca d’Italia, riguarda il rischio di allontanamento degli investitori al solo evocare un’automatica ristrutturazione del debito in caso di aiuto, proposta inizialmente da Olanda e Germania, permettendo di fatto l’autoavverarsi di una crisi che magari non ci sarebbe.

In primo luogo, qui sembra esserci una mancata comprensione dei modelli di “sunspots”. È necessario infatti discutere se tali crisi di panico o di mancanza di fiducia in debiti sovrani, avvenute ad esempio in Argentina e Grecia, costituiscano delle sunspots: “macchie solari”, metafore di eventi interpretati irrazionalmente, senza basarsi sui fondamentali, come segnali di crisi, che spingono a un rifiuto collettivo a finanziare uno stato la cui crisi è percepita come inevitabile, di fatto rendendola inevitabile. Ciò, però, è inverosimile. Una ristrutturazione dovrebbe fare da deterrente per un creditore, poiché i cosiddetti “haircut”, ovvero perdite automatiche di percentuali di investimento, sono una maniera per disciplinare le banche. Quando un paese arriva a situazioni di grandi crisi del debito c’è una corresponsabilità del creditore. Se il paese in questione sta effettuando spese erronee, o addirittura in cattiva coscienza, indebitandosi pur essendo consapevole che probabilmente non riuscirà mai a restituire e nemmeno a pagare gli interessi, il creditore è certamente responsabile di quello che gli succede. Arrivati a certe soglie, è giusto che chi si impegna irresponsabilmente subisca l’haircut. Anche perché, se l’haircut non viene applicato, il debito dovrà essere pagato anche dai contribuenti di quel paese, con maggiori austerità, maggiori avanzi primari o maggiori tasse. Più basso è l’haircut e più forte è l’austerity. In Grecia complessivamente è stato tagliato oltre il 50%, il che vuol dire che le banche che avevano prestato alla Grecia persero i loro soldi, al contrario di quanto sostenuto dalla retorica sovranista. È implausibile, perciò, che i “cattivi banchieri” che prestano soldi agli stati scelgano di coordinarsi per non farlo più e innescare una crisi: dato che una ristrutturazione del debito implica un haircut, sarebbe come coordinarsi per perdere soldi.

In secondo luogo…questo automatismo nel MES nemmeno c’è! È stato tolto al momento del negoziato!

Ciò che realmente metteva l’Italia in una posizione di fragilità al momento della negoziazione, creando sfiducia da parte degli interlocutori, erano le politiche sconsiderate di Salvini e Di Maio, in un contesto caratterizzato da spread altissimo e procedura di infrazione. L’Italia, insomma, era a un tavolo a chiedere maggior fiducia e criteri laschi del Fondo Salva-Stati mentre faceva politiche fiscali dissennate.

Inoltre, saremmo l’unico paese contrario a questo accordo. I mercati potrebbero pensare che la situazione italiana sia molto più insostenibile di quanto appare, e probabilmente anche questo scatenerebbe timori.

 

Sorgente: Ecco le 5 bufale più in voga sul famigerato fondo salva-stati (MES) – ilSole24ORE

L’articolo a quattro mani del prof Giampaolo Galli e Costantino de Blasi in home page di Lettera43

https://www.lettera43.it/mes-fondo-salva-stati-italia/?fbclid=IwAR3_PWSPzp9T85zywT-_964INmHWZL41zBsEmusW-d9m6kIEBkdfSI52aMs#SpZ37hSIWBrTXXif.99

YOU tube Costatino Galli:

Cottareli: Lotta sul MES

La figuraccia di Lucia Borgonzoni sul MES

Mario Seminerio su Phastidio da leggere e meditare. Bufale smontate

Cos’è il MES, Meccanismo Europeo di Stabilità

complotto contro l’Italia

le contestazioni al MES di Costantino De Blasi

ancora MES nella prima parteDi Liberi oltre

È singolare che, mentre si propone il default sovrano più grande della storia moderna, si vada costruendo una campagna contro una riforma del Mes La riforma del fondo salva-stati (Mes) e il ritorno di fiamma di Italexit – ilSole24ORE

 

tutto quello che avreste voluto sapere:https://phastidio.net/…/tutto-quello-che-avreste…/

Invece questo e’ quello che vogliono fare.uscire dall’Euro

 

 

 

Luciano Caputo:

Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 novembre 2019 in editoriali, futuro, sociale, Uncategorized

 

Tag: ,

Sei un proprietario immobiliare? Benvenuto tra i nuovi poveri – ilSole24ORE

Pubblichiamo un post di Andrea Guarise, fondatore di Algebria Capital – Titolo provocatorio? A prima vista, forse sì, perché generalmente chi è proprietario di casa (o più case) è sempre stato rite…

Sorgente: Sei un proprietario immobiliare? Benvenuto tra i nuovi poveri – ilSole24ORE

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 novembre 2018 in Uncategorized

 

Tag:

 Il programma di  Parisi. Per la sanità competizione alla pari pubblico/privato. Universalismo non significa gratis per tutti

“Va fatta una riforma profonda della Sanità: i redditi più alti, liberati dalle tasse, dovranno pagarsi la sanità. Non può più essere gratis per tutti”. Così l’ex amministratore delegato di Fastweb, nel corso della due giorni milanese di Megawatt svela il programma di governo di Energie per l’Italia che apre ad una diversa modulazione della compartecipazione alla spesa per la sanità. Si apre poi alla sanità integrativa e si punta ad una libera concorrenza, a parità di regole, tra strutture pubbliche e private. IL PROGRAMMA

Sorgente: Politiche 2018. Il programma di Stefano Parisi. Per la sanità competizione alla pari pubblico/privato. Universalismo non significa gratis per tutti – Quotidiano Sanità

Sorgente: La sanità e il programma di Parisi. Alcune dovute precisazioni – Quotidiano Sanità

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 dicembre 2017 in Uncategorized

 

Tag: ,

Ecco le regioni d’Europa con più lavoro e quelle con più disoccupati – Corruzione

Sorgente: Ecco le regioni d’Europa con più lavoro e quelle con più disoccupati – Info Data

Sorgente: Combattere la corruzione conviene a tutti. Perché? – Riparte il futuro

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 maggio 2017 in editoriali, sociale

 

Tag: , , ,

Perché le strade italiane stanno crollando (e sì, c’entrano le tangenti sugli appalti) – l’Espresso

Sorgente: Perché le strade italiane stanno crollando (e sì, c’entrano le tangenti sugli appalti) – l’Espresso

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 maggio 2017 in editoriali, sociale

 

Tag: , , ,

Combattere la corruzione conviene a tutti. Perché? – Senza corruzione Riparte il futuro – (ndr La corruzione uccide il paese, ma i giudici difendono tutto: nomine fiduciarie)

I dati parlano chiaro: a più alto livello di corruzione corrispondono meno competitività, meno investimenti, meno impresa e perciò meno lavoro

Sorgente: Combattere la corruzione conviene a tutti. Perché? – Senza corruzione Riparte il futuro

 

Tag: , , ,

Ecco perché paghiamo così tante tasse: lo dice la Corte dei Conti – – – – – – No Comment !

Ecco perché paghiamo così tante tasse: lo dice la Corte dei Conti.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 giugno 2014 in farmacoeconomia

 

Tag:

Il generale Scoppa chiamato a vigilare sui fondi Ue in Campania: “Quando la volontà politica si scontra con l’inerzia della PA” – 24 Mattino Quando la burocrazia affonda tutto

Il generale Scoppa chiamato a vigilare sui fondi Ue in Campania: “Quando la volontà politica si scontra con l’inerzia della PA” – 24 Mattino.

la burocrazia uccide la politica, ma la politica ha creato la burocrazia ed ora e’ troppo tardi. Come nel tumore del polmone: se hai fumato smettere quando arriva la diagnosi di cancro puo’ essere tardi

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 maggio 2014 in meritocrazia, sociale

 

Tag:

Public health requires global perspective | HSPH News | Harvard School of Public Health – Il mondo cambia e noi non ce ne accorgiamo. (e in Umbria?)

Public health requires global perspective | HSPH News | Harvard School of Public Health. e Convergence to Common Purpose in Global Health — NEJM.

anni fa lo diceva anceh il BMJ Preparing the 21st century global healthcare workforce | BMJ.

Il mondo cambia  e noi non ce ne accorgiamo. Noi continuiamo  a  ridurre i costi le spese e non capiamo che la vera rivoluzione e’ i modelli della sanita’ in relazione alle sfide sanitarie. Ma quando lo capiranno?

quali sono i cambiamenti piu’ importanti:

  • Lower birth rates and longer lives in most countries, and a reshaping of disease patterns from infectious to chronic;
  • The health consequences of globalized economies, including unhealthier lifestyles and the need for international disease-control;
  • Environmental threats from pollution and climate change;
  • Internationalization of medical knowledge and the globalization of the health care workforce;
  • The globalization of medical science.

e noi cosa stiamo facendo, nella nostra Umbria come vanno le cose?

 

 

Tag: , ,

Bulgaria, l’assedio al Parlamento

Bulgaria, l’assedio al Parlamento.

io credo che dobbiamo fare cosi’ anceh noi. Rinchiuderli in parlamento, senza uscire  con tutto assicurato (forse pane ed acqua sarebbe meglio=.

Come in un conclave ma senza farli uscire prima di avere avuto la nuova legge elettorale, abolizione provincie, abolizione doppi incarichi soprattutto ai pensionati, riduzione pensioni d’oro, legge per la valutazione dei curricula a commissioni estere.

Tutto a costo zero ma NON ESCONO finche’ non hanno fatto

altro che decreto del fare!!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 luglio 2013 in Uncategorized

 

Tag:

Resistere non basta più, serve il cambiamento | Linkiesta.it

Resistere non basta più, serve il cambiamento | Linkiesta.it.

una situazione dramamtica. I grafici lo dimostrano ampiamente ma dimostrano anche che l’unica cura e’:

cambiare la clase dirigente, tutta, senza alcuna eccezione e dare agli usciti il minimo della pensione. Per i danni che hanno fatto!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 giugno 2013 in management, top

 

Tag:

togliere i ticket per le visite specialistiche?

In data odierna si discute della proposta da parte del PD per bocca di Bersani di togliere i ticket per le visite specialistiche.

http://www.sanita.ilsole24ore.com/art/dal-governo/2013-02-20/superticket-specialistica-vuole-abolirlo-120530.php?uuid=AbtTpEWH&fromSearch

Io credo che sia un errore in quanto il ticket e’ stato considerato, anche per disposizioni legislative, di natura non tributaria e quindi un sistema per gestire e controllare (razionalizzare?)  le richieste e non certo per aumentare gli introiti finanziari.

Detto questo la  scomparsa del ticket porterebbe ad un aumento ingiustificato ed ingiustificabile delle richieste di prestazioni che sono spesso inappropriate ma che sovraccaricano il SSN sia in termini di carichi di lavoro sia allungherebbe le liste di attesa in maniera incontrollabile.

La proposta avrebbe un senso, a mio parere  se si parlasse di abolire i ticket valutando la appropriatezza della richiesta.

Inoltre la riduzione delle consulenze in se’ e’ un’ottima proposta ma mi meraviglia che Bersani non sappia che in molte regioni, di cui sicuramente alcune governate dalla sinistra, le consulenze sono un sistema per assunzioni nascoste, necesssarie ma occulte. E a questi precari che fine facciamo fare?

Ma se per anni abbiamo badato SOLO ai costi e non abbiamo valutato ne’ appropriatezza ne’ costo/efficacia come si potrebbe ora, improvvisamente, arrivare a queste populistiche affermazioni ?

Di populismi ne abbiamo visti tanti in questi anni, non abbiamo bisogno di altri contendenti al primato!

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 febbraio 2013 in sociale

 

Tag: , , ,

Speciale. I programmi sanità dei partiti. Ricette diverse ma nessuno rinnega scelta Ssn – Quotidiano Sanità

Speciale. I programmi sanità dei partiti. Ricette diverse ma nessuno rinnega scelta Ssn – Quotidiano Sanità.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 febbraio 2013 in sociale

 

Tag: ,

Danni da terremoto, danni da governo

Danni da terremoto, danni da governo | Estory.

Bravi ragazzi, ( SorinBellcoBraun eGambro, insieme a nomi meno noti) sapevamo che ce l’avreste fatta anche senza Bondi, Monti e compagnia cantando dei partiti inutili.

Ma sappiamo anche che i vostri prodotti sono di ottima qualità’

GRAZIE

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 febbraio 2013 in sociale

 

Tag:

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: