RSS

In Italia 16 milioni di over 65 nel 2030: è il business della «silver economy»- Corriere.it

Sorgente: In Italia 16 milioni di over 65 nel 2030: è il business della «silver economy»- Corriere.it

Sorgente: L’Italia, la popolazione e la forbice europea • Neodemos

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 gennaio 2022 in aging/age/anziani, epidemiologia

 

The pandemic’s true death toll: millions more than official counts

Sorgente: The pandemic’s true death toll: millions more than official counts

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 gennaio 2022 in covid19, epidemiologia

 

Why scientists are racing to develop more COVID antivirals

Sorgente: Why scientists are racing to develop more COVID antivirals

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 gennaio 2022 in covid19, epidemiologia, farmaci

 

12 bufale diffuse sui vaccini

Sorgente: (8) Watch | Facebook

 

Tag:

In Italia 16 milioni di over 65 nel 2030: è il business della «silver economy»- Corriere.it

Sorgente: In Italia 16 milioni di over 65 nel 2030: è il business della «silver economy»- Corriere.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 gennaio 2022 in editoriali, futuro, sociale

 

Covid, così dobbiamo imparare a convivere con il virus- Corriere.it

Sorgente: Covid, così dobbiamo imparare a convivere con il virus- Corriere.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 gennaio 2022 in covid19, editoriali, epidemiologia, sociale

 

Il dovere di essere realisti- Corriere.it

Sorgente: Il dovere di essere realisti- Corriere.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 gennaio 2022 in editoriali, sociale

 

Mandatory COVID-19 vaccination and human rights – The Lancet

Sorgente: Mandatory COVID-19 vaccination and human rights – The Lancet

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 gennaio 2022 in covid19, diritto e legali, epidemiologia

 

COVID-19 Therapeutics for Nonhospitalized Patients | Infectious Diseases | JAMA | JAMA Network

Sorgente: Gestione domiciliare del COVID-19: le raccomandazioni italiane | Univadis

 

Sorgente: COVID-19 Therapeutics for Nonhospitalized Patients | Infectious Diseases | JAMA | JAMA Network

Sorgente: Therapeutics and COVID-19: living guideline

Sorgente: IT_Raccomandazioni_AIFA_gestione_domiciliare_COVID-19_Vers4_14.12.2021.pdf

 

 

Covid. Tar Lazio boccia circolare Ministero della Salute su cure a casa: “Si pone in contrasto con l’attività dei medici”. Un anno fa un’ordinanza simile fu poi annullata dal Consiglio di Stato – Quotidiano Sanità. Cure domiciliari – Tachipirina

Sorgente prime linee guida: Covid. Ecco come curarlo a casa: misurazione periodica saturazione ossigeno e paracetamolo, no ad eparina, antibiotici e idrossiclorochina. Le linee guida del Ministero della Salute – Quotidiano Sanità

le LG prima edizione

Sorgente: nuove linee guida:  Covid. Sì a paracetamolo, Fans e anticorpi monoclonali. No agli antibiotici e sconsigliata la telemedicina per cronici e fragili. Ecco le nuove linee guida del Ministero per le cure domiciliari – Quotidiano Sanità

Sorgente: Covid. Tar Lazio boccia circolare Ministero della Salute su cure a casa: “Si pone in contrasto con l’attività dei medici”. Un anno fa un’ordinanza simile fu poi annullata dal Consiglio di Stato – Quotidiano Sanità

Sorgente: Aifa: non esistono antibiotici efficaci per il Covid – DottNet

Eppure, come già stabilito dal Consiglio di Stato per la nota Aifa, anche nella circolare del Ministero della Salute sulle cure domiciliari che recepiscono quei contenuti si parla espressamente di “raccomandazioni” e “indicazioni” e queste non vengono mai espressamente definite come vincolanti. Va poi aggiunto che la libertà prescrittiva del medico non è mai assoluta ma esistono precisi paletti che sono stati fissati non dai giudici ma dagli stessi ordini professioni professionali all’interno del Codice deongologico. Lì, infatti, all’articolo 12 si chiarisce che “Il medico non adotta né diffonde pratiche diagnostiche o terapeutiche delle quali non è resa disponibile idonea documentazione scientifica e clinica valutabile dalla comunità professionale e dall’Autorità competente”. E, infine: “La prescrizione deve fondarsi sulle evidenze scientifiche disponibili,sull’uso ottimale delle risorse e sul rispetto dei principi di efficacia clinica, di sicurezza e di appropriatezza”.

Sorgente: Fnomceo: “Nella sostanza non cambia nulla. Circolare nasce in un momento diverso” – Quotidiano Sanità

Sorgente: Covid e “cure domiciliari”, cosa dice la sentenza del Tar sulla circolare del ministero e cosa (non) cambia davvero – Open

LG ministeriali prima edizione

Sorgente: Cure domiciliari Covid. Il Consiglio di Stato sospende la sentenza del Tar Lazio che aveva bocciato circolare del ministero della Salute  – Quotidiano Sanità

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 gennaio 2022 in covid19, diritto e legali, epidemiologia, top

 

The Disinfluencer: I vaccini anti-Covid non sono sperimentali

Sorgente: The Disinfluencer: I vaccini anti-Covid non sono sperimentali

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 gennaio 2022 in covid19, epidemiologia, vaccini

 

– Troppi vaccini indeboliscono il sistema immunitario? Risposta negativa!

Nuovo video, come preannunciato ieri. Ogni tanto spunta l’argomento teso a sostenere che troppi vaccini facciano male e addirittura indeboliscano il sistema immunitario. Questo argomento, tipicamente novax, era già spuntato ai tempi delle 10 vaccinazioni obbligatorie per i bambini (in tempi pre-covid) ed è già stato smentito in tante occasioni da parte della scienza ufficiale. Ora torna alla ribalta in occasione della quarta dose in Israele, secondo alcuni quotidiani che però riportano solo “voci” generiche senza indicare studi e nemmeno gli autori, se non i classici “alcuni medici”. Provo ad affrontare il tema dal punto di vista evolutivo (darwiniano).In sintesi, non è possibile che milioni di evoluzione naturale nella lotta tra noi e i patogeni, abbia comportato come esito una situazione in cui troppe infezioni affaticano le nostre difese, che sono vitali. Il paragone fatto è con l’affaticamento della preda che scappa dal predatore e del predatore che insegue la preda. Dettagli nel video. Discussione volentieri qui.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 gennaio 2022 in Uncategorized

 

Non-steroidal anti-inflammatory agent use may not be associated with mortality of coronavirus disease 19 | Paracetamolo

Sorgente: Non-steroidal anti-inflammatory agent use may not be associated with mortality of coronavirus disease 19 | Scientific Reports

paracetamolo 1

La febbre è un meccanismo di difesa del nostro organismo che compare in caso di:
– Endocarditi, miocarditi, pericarditi
– ascesso polmonare, bronchiectasie, BCPO, broncopolmoniti e polmoniti, empiema, laringo-faringo-tonsilliti, pleuriti, pneumopatie interstiziali, sarcoidosi, TBC, fibrosi cistica
– cirrosi, coliti, diverticolite, epatite virale acuta, epatite cronica, infezioni intestinali, litiasi biliare, morbo di Crohn, peritoniti, colite ulcerosa, diabete insipido
– e ancora… tiroiditi, agranulocitosi, porfirie, splenopatie, meningite, artrite reumatoide, artriti infettivi, malattie reumatiche, osteomieliti, infezioni urinarie, pielonefrite acuta, malattie infettive, leucemie, linfomi maligni, mieloma, sindromi mieloproliferative
Come vedete l’elenco delle patologie che possono provocare un rialzo della temperatura corporea è lungo e sicuramente ho tralasciato qualche patologia. Alcune di queste malattie sono infettive determinate cioè dal nostro incontro con un agente infettivo batterio o virus o micobatterio. Quindi cosa facciamo se la febbre supera i 38,5- 39 °C ?
Le linee guida indicano che “una temperatura corporea fino a 38-40 °C causati dalla maggior parte delle infezioni di breve durata (acute) sono ben tollerate dagli adulti sani. Comunque, una febbre moderata può essere pericolosa per gli adulti con disturbi cardiaci o polmonari, dato che la febbre causa un aumento della frequenza cardiaca e respiratoria.
Un eccessivo innalzamento della temperatura può risultare dannoso. In quanto può determinare la denaturazione delle proteine e il rilascio di citochine infiammatorie e ROS ( specie reattive dell’ossigeno) che attivano la cascata infiammatoria e determinano stress ossidativo. Il risultato è quindi una disfunzione cellulare, che altera la funzionalità fino ad arrivare all’insufficienza multiorgano; viene inoltre attivata la cascata della coagulazione la quale porta alla CID coagulazione intravascolare disseminata. (vi ricorda qualcosa?)
E ancora …..“I farmaci utilizzati per diminuire la temperatura corporea sono chiamati antipiretici.
Quelli più efficaci e più diffusi sono il PARACETAMOLO e i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’aspirina, l’ibuprofene e il naprossene.
Generalmente, si possono assumere:
• 650 milligrammi di paracetamolo ogni sei ore (non si deve superare la dose di 4.000 milligrammi al giorno, in realtà l’ultima revisione del foglietto illustrativo indica il dosaggio massimo di 3 GRAMMI al giorno)
• Da 200 a 400 milligrammi di ibuprofene ogni sei ore.
Questi sono i dosaggi indicati per l’adulto sano, ovviamente se si soffre di patologie epatiche o renali, nel bambino o nell’anziano le posologie vanno riadattate.
Poiché molti preparati da banco contro il raffreddore o l’influenza contengono paracetamolo, i pazienti devono fare attenzione a non assumere contemporaneamente paracetamolo e uno o più dei suddetti preparati.” https://www.msdmanuals.com/it-it/professionale/malattie-infettive/biologia-delle-malattie-infettive/febbre?query=La%20febbre%20negli%20adulti#v997463_it
Questo fa il paracetamolo a dosi terapeutiche !!!
Cosa allora non fa?
• Non è responsabile del peggioramento nei pz che hanno contratto il covid e che si chiama A.R.D.S (Adult respiratory distress syndrome) che è caratterizzata dalla insorgenza di tachipnea, cianosi e che indica un progressivo grave evento lesivo polmonare massivo, non trattabile a domicilio.
• Non è responsabile della deplezione del glutatione se assunta a dosi terapeutiche in quanto , solamente una piccola parte (circa 5%) di paracetamolo subisce un metabolismo ossidativo, entrando quindi nella via metabolica che coinvolge il glutatione intracellulare.
• Non è responsabile della CID coagulazione intravascolare disseminata ( sono stati descritte tre casi di CID ma in situazione di sovradosaggio di paracetamolo) https://www.farmacovigilanza.eu/node/262
All’inizio della pandemia di COVID-19 era inoltre emersa la preoccupazione che l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), in particolare l’ibuprofene, potesse esacerbare i sintomi di COVID-19. Queste preoccupazioni, basate su dati non pubblicati, hanno portato a consigli contro l’uso dei FANS. Queste preoccupazioni si sono poi rivelate infondate, ma permane il pregiudizio nei confronti del paracetamolo . Il paracetamolo è diventato una specie di cavallo di troia per far passare il concetto che i medici che lo prescrivono ti abbandonano al tuo destino, anzi, sono pure ignoranti perché “non sanno che il paracetamolo abbassa il glutatione.”
dossier paracetamolo, parte II

Read the rest of this entry »

 
 

Consolidated Health Economic Evaluation Reporting Standards 2022 (CHEERS 2022) statement: updated reporting guidance for health economic evaluations | The BMJ

Sorgente: Consolidated Health Economic Evaluation Reporting Standards 2022 (CHEERS 2022) statement: updated reporting guidance for health economic evaluations | The BMJ

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 gennaio 2022 in appopriatezza, farmacoeconomia

 

l Nobel per la medicina 2008 – Le Scienze

Sorgente: Il Nobel per la medicina 2008 – Le Scienze

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 gennaio 2022 in covid19, epidemiologia

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: