RSS

Archivi categoria: top

Non è la spesa per il personale la causa del dissesto della sanità calabrese – Quotidiano Sanità

È quanto emerge dalla relazione della Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti sul bilancio economico degli esercizi 2016-18 dell’A.S.Provinciale di Catanzaro. Come e peggio dei tempi dei padroni delle ferriere, si è fatto cassa a scapito del personale, consentendone, con ignavia, la riduzione all’osso, e costringendo i superstiti in trincea a turni massacranti, ben oltre il normale orario di lavoro, talora nemmeno riconosciuti e pagati.

Sorgente: Non è la spesa per il personale la causa del dissesto della sanità calabrese – Quotidiano Sanità

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 novembre 2019 in farmacoeconomia, spesa sanitaria, top

 

Tag: , ,

Global Pattern of Microplastics (MPs) in Commercial Food-Grade Salts: Sea Salt as an Indicator of Seawater MP Pollution | Environmental Science & Technology

Previous studies have identified microplastics (MPs) in commercial table salts but could not exactly address the origin of the MPs because of several limitations. The present study is based on the hypothesis that commercial sea salts can act as an indicator of MP pollution in the surrounding environment unless the MPs are filtered out during the manufacturing process. A total of 39 different salt brands produced at geospatially different sites, including 28 sea salt brands from 16 countries/regions on six continents, were investigated. A wide range of MP content (in number of MPs per kg of salt; n/kg) was found: 0–1674 n/kg (excluding one outlier of 13 629 n/kg) in sea salts, 0–148 n/kg in rock salt, and 28–462 n/kg in lake salt. Relatively high MP content was identified in sea salts produced in Asian countries/regions. The abundance of MPs in unrefined sea salts (n = 25) exhibited significant linear correlations with plastic emissions from worldwide rivers (r2= 0.33; p = 0.003) and with the MP pollution levels in surrounding seawater (r2= 0.46; p = 0.021) in the published literature. The results indicate that not only is Asia a hot spot of global plastic pollution, as previous stu

Sorgente: Global Pattern of Microplastics (MPs) in Commercial Food-Grade Salts: Sea Salt as an Indicator of Seawater MP Pollution | Environmental Science & Technology

 

Microplastica e PFAS i nuovi nemici. Allerta Greenpeace ed USA.

Sorgente: L’inquinamento ambientale danneggia anche i reni.

 

Conoscenza, uso e attitudine verso gli strumenti di Digital Health tra i pazienti oncologici

Sorgente: Istituto Mario Negri

 

Tag: ,

Global cities ranking 2018 | UBS Prices and Earnings

Compare cost of living around the world in our latest study using the digital data explorer

Sorgente: Global cities ranking 2018 | UBS Prices and Earnings

 

Meno ospedali, ma sul territorio cala il pubblico e sale il privato. Si riduce anche il numero di medici di famiglia, pediatri e guardie mediche, ma cresce l’assistenza domiciliare integrata. Annuario statistico del Ssn 2017 – Quotidiano Sanità

Nel confronto con il 2012 si rileva un forte calo delle strutture di ricovero per la razionalizzazione della rete, ma quelle territoriali hanno il segno meno nel pubblico e aumentano nel privato. Cresce invece l’assistenza domiciliare integrata, si riducono le ricette farmaceutiche e la spesa relativa, ma diminuiscono anche i medici e i pediatri di famiglia e le guardie mediche. L’ultimo Annuario del Ssn appena pubblicato dal ministreo della Salute con i dati 2017 sottolinea un aumento di servizi nell’area dell’emergenza. L’ANNUARIO STATISTICO SSN 2017.

Sorgente: Meno ospedali, ma sul territorio cala il pubblico e sale il privato. Si riduce anche il numero di medici di famiglia, pediatri e guardie mediche, ma cresce l’assistenza domiciliare integrata. Annuario statistico del Ssn 2017 – Quotidiano Sanità

 

Ecco perché i numeri dell’Istat sono allarmanti – Quotidiano Sanità

Un declino demografico iniziato nel 2015, continuo, ininterrotto, come non accadeva da 90 anni. Oggi sappiamo che assistiamo a domicilio meno di 3 anziani su 100. Tutti gli altri? Intasano i pronto soccorso, nella migliore delle ipotesi, oppure a casa, soccorsi dalle cure ‘fai da te’ di familiari e badanti, il più delle volte in nero, quando non abbandonati perché non hanno le risorse per farsi assistere. Alzate lo sguardo dalla gabbia del “contratto di governo” e abbassatelo sull’Italia vera.

Sorgente: Ecco perché i numeri dell’Istat sono allarmanti – Quotidiano Sanità

 

Perché Salvini si e’ dimesso

trump_putin

Sento in tutte le salse che Salvini abbia pagato lo scotto di essere contro l’Europa.

Io cerco di dare un contributo cercando di oggettivarlo con link e dati e tempi.

Vedremo, se mai sara’ possibile, sapere cosa sia veramente successo, ma questo mi sembra un quadro piu’ che plausibile.

E’ innegabile che Salvini stesse scardinando alleanze storiche tipo Italia , USA. Lui pensava di fare il doppio forno, di uscire dall’Europa e dall’Euro cosa che andava bene a Putin e Tramp, ma gli USA, non potevano sopportare il giochetto di spostare l’asse verso Mosca.
E qui intervengono i servizi segreti, delizia di tutti i film di spionaggio ma molto concreti..
Salvini gioca sempre con il telefonino si affida al Rosario ma NSA ti ascolta anche se respiri.
Infine quello che succede al Metropol cambia tutto. L’intento e’ quello di spostare il baricentro  verso Mosca:

L’audio pubblicato dal sito Usa BuzzFeed
Il frammento di audio è stato pubblicato in esclusiva dal sito statunitense BuzzFeed . In questo audio, in particolare, si sente una voce attribuita a Savoini che dice in inglese: «Noi vogliamo cambiare l’Europa. Una nuova Europa deve essere vicina alla Russia, come era prima, perché noi vogliamo la nostra sovranità». Le trascrizioni mostrano la parte entusiasta di Salvini, definito come il «Trump europeo». Salvini il giorno precedente aveva incontrato il vicepremier russo Dmitry Kozak e Vladimir Pligin di Russia unita, il partito di Putin. «Salvini è il primo uomo che vuole cambiare tutto in Europa», dice Savoini nell’audio, secondo BuzzFeed, segnalando la volontà di costituire una «grande alleanza» con i «partiti che sono pro-Russia», facendo riferimento alla francese Le Pen e al partito di estrema destra tedesco AfD.

 

Dei soldi e del petrolio non frega niente agli USA , ma della parte politica si. Ha messo in dubbio anche le sanzioni contro la Russia
Da allora cambia tutto.
Quindi quando va in USA Trump non lo riceve ( solo Pompeo), e escono le intercettazioni dei nobili intenti di fregare l’amico sovranista Trump che tanto si sta dando da fare per staccare UK e che punta sull’ Italia sovranista, ma in versione USA. Che colpo sarebbe staccare UK e Italia.
Sentire dai video pubblicati e magari da intercettazioni telefoniche che l’intento e’ INVECE di spostare l’asse verso Mosca non deve aver fatto piacere all’”amico” Trump dopo che i soliti servizi avevano fatto fuori con lo stesso gioco anche l’Austria. Ed allora piccolo pizzino al tipo: togliti di mezzo sennò chissà che altro faccio uscire visto che tu il telefonino te lo porti anche quando ti copri la bocca e non hai capito che noi sentiamo anche se lo spengi e magari, tramite questo,  senti anche quello che dici in altri telefoni protetti ( Merkel insegna). Infatti potrebbe uscire qualcosa di queste benedette tangenti, che diventano un bel grimaldello in mano agli USA.

Tanto che Salvini evita di andare in parlamento a rispondere. E cosa mai avrebbe potuto accadere se fosse stato incriminato come ministro dell’Interno dopo qualche ulteriore rivelazione? Avrebbe dovuto dimettersi e trovarsi in grave affanno.

Salvini ha deciso di buttare all’aria il governo perché, se mai arrivasse qualche rinvio a giudizio, potrebbe difendersi meglio all’opposizione invocando le faide, l’Europa, e fare un po’ di vittimismo.

Anche il PD riceve un pizzino: non rompete e fate sto governo; quindi basta dire che non fate accordi con i 5s. Loro sono per tutte le stagioni. Voi siete atlantisti, fate quello che dovete. Non smonterete l’Europa come Salvini ma almeno non la portate verso la Russia. Poi vi ricompensiamo (tanto che lo scemo di turno europeo lo ha ricopiato).

Salvini quindi trova scuse e lascia sperando di non farsi troppo male ma meglio che scomparire o in galera per alto tradimento. La cosa non e’ chiara a tanti, anche della lega, ma lui che ha ricevuto il pizzino sa perché’-

Tuttavia non gli risulta chiaro, e questo lo spiazza,  che il pizzino e’ arrivato anche al PD, spera ancora nelle elezioni visto che solo qualche giorno prima tutto il PD dichiarava mai con i 5s. In fondo la stessa cosa capitata a Savoini è capitata in Austria e loro tornano alle urne, perché’ non in Italia?

Perché’ l’Italia e’ in mezzo al mediterraneo. Troppo importante per perderla.

Trump cerca alleati contro Mosca. Smontiamo l’Europa ma entro area USA. Se deve andare verso Russia allora teniamoci l’Europa.

 

Allora considerazioni finali.
Salvini ha peccato di onnipotenza , pensava di poter giocare su più tavoli, ma la Bestia è un’arma comunicativa.

In Italia poteva farlo ma non con  Trump e i servizi segreti americani che rispondono direttamente al presidente.

Poi e’ ovvio che i mercati hanno gradito. Sotto l’ombrello e la benedizione USA ci saranno piu’ garanzie e stabilità. Addirittura Trump lancia l’endorsement a Conte. Piu’ chiaro di cosi’?
Tiriamo a campare. Non senza Salvini ma soprattutto senza Borghi e Rinaldi, i peggiori compagni di strada che poteva scegliersi in assoluto. Borghi solo qualche giorno fa continuava a dire che voleva uscire dall’euro. Ed ora quindi di cosa ci si meraviglia? Se in un matrimonio, pensando di aumentare la tua forza di sottomissione per ottenere favori di vario tipo, dalla cucina ad altro, dici sempre che se potessi te ne andresti, che non sopporti tua moglie , che tua moglie deve farti uscire ogni sera fino alle 2 di notte se no appena puoi metti in crisi il matrimonio, allora la moglie, qualche volta, soprattutto se ha forze sue, ti anticipa e ti lascia in mutande.

Appunto.

Il suo errore non è stato combattere l’Europa, ma andare verso Putin.
Tutti errori mortali agli occhi di Trump, sovranista come lui ma a favore degli USA. E se accetti il sovranismo, ne accetti anche le conseguenze. Ognuno e’ sovranista a casa sua.

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 agosto 2019 in editoriali, sociale, top

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: