RSS

Archivi categoria: aging/age/anziani

Rapporto sanità Ocse 2017:

Rapporto sanità Ocse 2017: Italia tra i primi per aspettativa di vita, accesso alle cure e stili di vita. Ma spendiamo 600 dollari in meno a testa rispetto alla media. Pollice verso per consumo antibiotici e numero troppo basso infermieri – Quotidiano Sanità

Annunci
 

Più anziani E lo Stato che cosa fa ?

Sorgente: SG_anziani.pdf

Sorgente: In Europa più di 27 milioni di ultraottantenni. In Italia il numero più alto. Ma per aspettativa di vita a quell’età siamo al quarto posto  – Quotidiano Sanità

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 ottobre 2017 in aging/age/anziani, epidemiologia

 

8 modi piacevoli di prevenire il declino cognitivo – Intanto evita la TV e balla

Sorgente: 8 modi piacevoli di prevenire il declino cognitivo – Focus.it

E soprattuttofacciamo sesso. e’ uno dei sistemi migliori per rimanere giovani, consumare calorie, fare movimento, mantenere la mente allenata e non costa (talvolta) nulla .

Sorgente: Prospective Study Shows Just How Bad TV Can Be

 

invece il ballo mantiene giovani: Dancing Keeps Older Brains on the Ball

 

Più anziani non autosufficienti, meno posti letto: così i figli si indebitano per l’assistenza – La Stampa e Radio 24

Sorgente: Più anziani non autosufficienti, meno posti letto: così i figli si indebitano per l’assistenza – La Stampa

Radio 24

Molto interessante e drammatico

Italia invecchia e crescono gli anziani lasciati soli. Secondo un rapporto recentemente pubblicato dall’Irccs Inrca, l’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per anziani di Ancona, cresce la quota degli anziani non autosufficienti, e l’impegno delle cure ricade in gran parte sulle famiglie: almeno un milione sono le persone che in Italia si dedicano completamente all’assistenza dei propri congiunti. Dietro percentuali e statistiche, ci sono storie di solitudine, di coraggio ma anche di invecchiamento di successo, cioè di ultra-anziani con mantenute capacità cognitive. Ne parliamo con Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva, Piero Barbanti, primario neurologo all’Istituto scientifico San Raffaele Pisana, Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina, associazione nazionale famiglie datori di lavoro domestico, con Laura Bignami, senatrice e co-firmataria di un disegno di legge sui care givers e con Lidia Borzì, presidente Acli Roma e provincia.

 

Chronic kidney disease (CKD) and acute kidney injury are on the rise worldwide. CKD affects as many as 10-15% of the world’s population and is associated with accelerated aging and severe cardiovascular complications. complications around uremic phenotype is challenging, especially in low and middle-income countries.

Sorgente: Lancet

The nephrology community has recognized the importance of communicating about global kidney health. A recently-presented roadmap aimed to slow CKD progression, alleviate its complications and improve the quality and quantity of clinical trials.

Un problema sociale di dimensioni epocali contro cui non abbiamo risorse. Spostare l’attenzione e alcune risorse dalla dialisi alla MRC

 

Più anziani non autosufficienti, meno posti letto: così i figli si indebitano per l’assistenza – La Stampa

Sorgente: Più anziani non autosufficienti, meno posti letto: così i figli si indebitano per l’assistenza – La Stampa

Le nostre vere e prime priorità Un dramma
Nella vita democratica tutto è’ importante ma un buon padre di famiglia deve saper capire le priorità ed affrontarle
Credo che i nostri politici di tutto si occupano meno che delle cose importanti ed urgenti

 

Elderly patients with chronic kidney disease: do they really need referral to the nephrology clinic? | Clinical Kidney Journal | Oxford Academic

Sorgente: Elderly patients with chronic kidney disease: do they really need referral to the nephrology clinic? | Clinical Kidney Journal | Oxford Academic

Identificare i pazienti progresso dai non progressor

programma1

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: