RSS

Archivi categoria: ranking

Regioni benchmark 2018. Toscana al 1° posto. Le altre due saranno scelte tra Marche, Umbria, Emilia Romagna e Lombardia. Il Veneto non riesce a entrare tra le prime 5 – Quotidiano Sanità

La struttura tecnica incaricata di valutare le migliori performance regionali ai fini di selezionare le Regioni di riferimento per determinare i parametri di riparto del fondo sanitario hanno messo nelle mani delle Regioni e del Governo la rosa delle prime cinque dalle quali dovranno essere scelte le tre regioni benchmark. Dato che la prima in classifica (Toscana) entra di diritto nella rosa, si dovrà scegliere tra Marche, Umbria, Emilia Romagna e Lombardia. L’anno scorso il primato andò a Marche, Veneto e Umbria. Ma la Conferenza dei presidenti ha chiesto il rinvio del punto per l’intesa in Stato Regioni. IL DOCUMENTO.

Sorgente: Regioni benchmark 2018. Toscana al 1° posto. Le altre due saranno scelte tra Marche, Umbria, Emilia Romagna e Lombardia. Il Veneto non riesce a entrare tra le prime 5 – Quotidiano Sanità

Annunci
 

«Dove e come mi curo»: il portale per scegliere il milgiore ospedale sul web | Sanità24 – Il Sole 24 Ore

“www.doveecomemicuro.it”, un sito internet che mappa l’offerta sanitaria italiana e aiuta i cittadini a scegliere tra 1233 strutture quella che offre l’assistenza migliore per una certa patologia e che risponde a determinati canoni, ad esempio la vicinanza geografica. Mancava in Italia un servizio di simile utilità pubblica ed è proprio per colmare questa lacuna che il portale è stato sviluppato dal team del Professor Walter Ricciardi, direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università Catt olica – Policlinico Agostino Gemelli di Roma.

Sorgente: «Dove e come mi curo»: il portale per scegliere il milgiore ospedale sul web | Sanità24 – Il Sole 24 Ore

 

Dove mi curo? Sul web i migliori ospedali italiani. Il privato fa prima di Agenas e lancia il “suo” portale – Quotidiano Sanità

Si chiama Doveecomemicuro.it. E contiene i dati di 1.233 strutture sanitarie italiane censite in base a 50 indicatori. Con il posto migliore dove curarsi. Il portale, edito da Formex srl di Milano, è coordinato da Walter Ricciardi, Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica del Gemelli insieme ad altri ricercatori ed esperti. Arriva sul web anticipando l’annunciato portale del PNE dell’Agenas. LE 10 MIGLIORI STRUTTURE PER CIASCUN INDICATORE

Sorgente: Dove mi curo? Sul web i migliori ospedali italiani. Il privato fa prima di Agenas e lancia il “suo” portale – Quotidiano Sanità

 

La spesa sanitaria USA a confronto | SaluteInternazionale

Il confronto è fra gli USA e altri dieci paesi, Australia, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera e UK. Un elemento richiamato dagli editoriali del Jama è l’elevata spesa statunitense nelle fasi iniziali e terminali della vita. Negli Usa la percentuale di nati pre termine era del 12,3% nel 2004 a confronto del’8,0% in Canada e tale differenza è sostanzialmente stabile; ciò comporta (o giustifica) un tasso di posti letto in unità di cure intensive neonatale del 33,7 x 10.000 nati vivi in Usa a fronte di 16 x 10.000 in Canada.

Sorgente: La spesa sanitaria USA a confronto | SaluteInternazionale

 

Popular Topics – Expertscape.com – indice esperti consulenze qualità

Sorgente: Popular Topics – Expertscape.com

 

Tag:

Mobilità sanitaria 2018: un “business” pubblico da 4,6 miliardi. Ma a guadagnarci sono solo sette Regioni e al Sud l’unica in attivo è il Molise – Quotidiano Sanità

La Commissione salute delle Regioni ha raggiunto un accordo sulla compensazione della mobilità sanitaria che deve ora essere formalizzato in Conferenza dei presidenti: chi deve di più è la Calabria che raggiunge un saldo negativo di oltre 319 milioni, chi guadagna di più è la Lombardia che deve incassare oltre 808,6 milioni. Nei calcoli sono previsti l’abbattimento del 60% del saldo ricoveri erogati dal privato nel 2016 rispetto al 2015 e del 50% per quelli del 2014 rispetto al 2013. I CALCOLI COMPLETI DELLA MOBILITÀ.

Sorgente: Mobilità sanitaria 2018: un “business” pubblico da 4,6 miliardi. Ma a guadagnarci sono solo sette Regioni e al Sud l’unica in attivo è il Molise – Quotidiano Sanità

 

Tempi di attesa. “Si fa prima nel privato e costa anche meno”. La foto della situazione in 4 regioni scattata dalla Cgil e dal Crea Sanità – Quotidiano Sanità

“Il Ssn e continua ad arretrare soccombendo alla concorrenza del privato”. Fotografate le prestazioni mediche di oltre 26 milioni di utenti residenti in Lombardia, Veneto, Lazio e Campania, pari al 44% della popolazione totale. I risultati dello studio ‘Osservatorio sui tempi di attesa e sui costi delle prestazioni sanitarie nei Sistemi Sanitari Regionali’, condotto da Crea, commissionato dalla Funzione Pubblica Cgil e dalla Fondazione Luoghi Comuni IL RAPPORTO

Sorgente: Tempi di attesa. “Si fa prima nel privato e costa anche meno”. La foto della situazione in 4 regioni scattata dalla Cgil e dal Crea Sanità – Quotidiano Sanità

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: